Sei alla ricerca di idee curiose per vivere al meglio l’estate ormai alle porte? Ecco alcuni curiosi suggerimenti su location insolite e modi di vivere la villeggiatura ideali per rispettare il distanziamento sociale e godersi paesaggi e località meravigliose.

 

GLAMPING

Tecnicamente il termine è dato dalla fusione delle parole glamour e campeggio: alle attività di campeggio tradizionale si uniscono servizi in stile resort. Queste strutture sono il più delle volte una fusione di ecologia e design con arredi confortevoli, lussuosi e ricercati.
Sono sempre di più le località in Italia dove è possibile trovare queste strutture in cui soggiornare, si va da eleganti tende a fiabesche case sugli alberi in Trentino fino a spaziosi Lodge magari immersi nella maremma toscana. Indicati per chi vuole trascorrere una vacanza tenendosi distanziati dagli altri e privilegiando il silenzio e la pace, come nel caso dei glamping sospesi nella acque di Laghi Nabi, prima oasi naturale della Campania, famosa per la pista ciclabile luminescente più lunga del mondo.

 

BUBBLE ROOM

Si tratta dell’evoluzione del glamping: sono bolle trasparenti posizionate in luoghi suggestivi in cui è possibile rilassarsi ammirando panorami mozzafiato, immersi per lo più nella natura. Il fenomeno delle bubble room si è diffuso rapidamente non solo all’estero ma anche nel Belpaese dove, da nord a sud, è possibile trovare queste strutture o dei veri e propri ‘bubble hotel’ ubicati in suggestive location, dal Lago Maggiore alle colline toscane, solo per fare qualche esempio. Consigliato per chi vuole ammirare una nottata stellata stando comodamente sdraiato sul letto, all’interno della bubble.

 

CHALET DI LEGNO

Chi pensa che lo chalet sia una struttura démodé e in voga anni fa dovrà ricredersi. Tra le nuove tendenze in voga quest’estate c’è proprio lo chalet di legno. Accanto ai soliti chalet ci sono quelli ultramoderni, ecosostenibili e di design, adatti per trascorrere una vacanza immersi nella natura. Sbagliato pensare che queste strutture si trovino solo in montagna, è possibile infatti trovare chalet ovunque in Italia, da quelli situati sulle coste venete di Chioggia, fino agli chalet nel cuore del parco del Delta del Po.

 

BAITA

Da non confondere con lo chalet. Le differenze tra le due tipologie di strutture sono sostanziali: la baita, infatti, è caratteristica delle zone di montagna, più piccola rispetto allo chalet era utilizzata in passato come dimora temporanea durante l’alpeggio (tra aprile e novembre). Anche gli spazi interni sono differenti, è più piccola e con soffitti più bassi rispetto allo chalet che è invece una vera e propria abitazione, spesso di grandi dimensioni.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

LASCIA UN COMMENTO